LA “SINDROME DI AGGRAPPAMENTO”